Prevenzione

Consigli per la prevenzione della Sindrome Emolitico Uremica

1. Massima cura nella corretta manipolazione degli alimenti

  • Rispettare la “catena del freddo” sia delle carni, che dei latticini;
  • Se l’alimento rimane per più di 2 ore a temperatura inadeguata, deve essere  considerato contaminato;
  • Terminare gli acquisti alimentari con le carni e i latticini;
  • Porre, quando possibile e soprattutto d’estate, carni e latticini in contenitori refrigeranti;
  • Se durante il trasporto un alimento surgelato si scongela, non congelarlo nuovamente, ma conservarlo in frigorifero e cucinarlo quanto prima;
  • Riporre nel più breve tempo possibile gli alimenti freschi in frigorifero;
  • Lo scongelamento dei cibi deve essere fatto in frigorifero o nel microonde, oppure per affrettare lo scongelamento, sotto l’acqua fredda corrente con la precauzione di riporli in frigo una volta scongelati. Non scongelare mai gli alimenti surgelati a temperatura ambiente;
  • Una volta cucinati, consumare gli alimenti il più presto possibile;
  • Non si deve attendere che gli alimenti si raffreddino per metterli nel frigorifero, e prima di consumarli riportarli a temperatura di almeno 70°;
  • Ricordarsi di mantenere la “catena del freddo” quando puliamo o scongeliamo il frigorifero.

2. Alimenti a rischio

  • Latte crudo non pastorizzato (da consumarsi esclusivamente solo dopo bollitura);
  • Carni rosse, grasse non perfettamente cotte (il cui centro si presenta ancora di colore rosato);
  • Particolare attenzione merita la carne trita poiché in essa, se presente, il batterio può sopravvivere anche alla cottura;
  • Interiora di manzo e/o vitello;
  • Alimenti cotti che sono stati a contatto con alimenti crudi;
  • Alimenti cucinati che hanno perso la catena del freddo;
  • Succhi non pastorizzati (poco frequenti nel nostro paese).

3. Alimenti sicuri

  • Pollo, maiale, agnello, pesce ( ben cotti);
  • Prodotti derivati dal latte, sterilizzati (dessert, budini, latte, creme a lunga conservazione).

4. Conservazione corretta degli alimenti

  • Evitare di mettere le carni nei ripiani superiori del frigorifero, onde evitare che le sostanze liquide in esse contenute colino sugli altri alimenti;
  • Non conservare gli alimenti crudi insieme a quelli cucinati;
  • Conservare le carni in sacchetti di plastica ben chiusi, classificando le carni di vitello, pollo e maiale.

5. Trattamento degli alimenti ed igiene della cucina

  • Lavarsi le mani con acqua calda e sapone prima di manipolare gli alimenti e dopo essere stati in bagno;
  • Dopo aver manipolato gli alimenti, specialmente la carne, lavarsi le mani e le stoviglie che sono state a contatto con essa, con acqua calda e sapone (44° per lavaggio manuale, 60° lavaggio in lavastoviglie);
  • Non usare gli stessi utensili con le carni crude e gli altri alimenti;
  • Lavare con acqua e candeggina i taglieri, i tritacarne e tutto ciò che è stato usato;
  • Non manipolare insieme gli alimenti che sono a rischio, come carne vaccina, con gli alimenti a minimo rischio come pollo e verdure;
  • Lavare la frutta e le verdure molto accuratamente;
  • Lavare accuratamente le spugne e gli strofinacci usati in cucina.

6. Modi di cottura

  • La temperatura alla quale si disattivano i batteri “escherica coli” è di circa 70°;
  • Assicurarsi sempre che la carne non sia grassa, o che sia sempre ben cotta anche in centro, e che la cottura sia stata eseguita ad oltre 70°;
  • La carne trita è da considerarsi ben cotta quando il siero che viene liberato durante la cottura sia divenuto trasparente;
  • Tenere conto che le carni congelate devono avere un tempo di cottura superiore a quello abituale;
  • Non cucinare la carne di vitello – manzo insieme agli altri alimenti a rischio;
  • E’ consigliato bollire il latte pastorizzato, mentre quelli a lunga conservazione possono essere consumati direttamente;
  • Quando si fa una grigliata, predisporre una parte della bistecchiera per i bambini, dove si può cucinare la carne in maniera adeguata.

Non dimenticare

  • Lavarsi le mani con acqua calda e sapone dopo essere andato in bagno;
  • Lavarsi con acqua calda e sapone prima e dopo la manipolazione di alimenti;
  • Dopo aver visitato un allevamento di bovini, lavarsi accuratamente le mani con acqua calda e sapone;
  • Clorare adeguatamente l’acqua per la balneazione o per il consumo casalingo, se non proveniente da acquedotto pubblico;
  • Mantenere la catena del freddo (per gli alimenti freddi) e del caldo (per gli alimenti caldi);
  • Evitare il consumo di carni rosse nei posti dove non è possibile assicurasi che siano stati manipolati correttamente;
  • Evitare le contaminazioni incrociate degli alimenti a rischio con quelli che non lo sono;
  • Evitare di consumare i latticini se sorge il dubbio che non siano stati conservati nella catena del freddo;
  • Il cibo freddo deve essere conservato a meno di 4° e il caldo a più di 60°;
  • Cucinare le carni adeguatamente ad una temperatura superiore a 70°;
  • Le feci dei pazienti ammalati devono essere manipolate con cura;
  • Lavarsi le mani , prima e dopo il cambio dei pannolini, specialmente nei nidi.

Stampa

Cinque per mille
Cinque per mille
Cinque per mille
Cinque per mille
Bomboniere solidali
Cinque per mille
Momenti Solidali
Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione e cookie di analisi statistica di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie Clicca qui 
Se accedi a un qualunque elemento sovrastante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.